Pare Parecchio Parigi: Il film di Leonardo Pieraccioni che ti farà ridere e piangere in una sola serata

Pare Parecchio Parigi: Il film di Leonardo Pieraccioni che ti farà ridere e piangere in una sola serata
Pare Parecchio Parigi

Esiste un fascino intrinseco nella Ville Lumière, una sorta di promessa di amore e di storie che s’intrecciano sotto il cielo di un blu indefinito. È in questo contesto che il maestro della commedia italiana, Leonardo Pieraccioni, ci regala la sua ultima perla cinematografica, “Pare Parecchio Parigi”. Nell’opera, la capitale francese non è solo un’incantevole scenografia, ma diviene quasi un personaggio a sé stante, le cui strade e caffè antichi fungono da catalizzatore per l’intreccio narrativo.

La pellicola si dipana come una commedia brillante, ma con quell’inequivocabile sottotesto di dolce malinconia tipico delle opere di Pieraccioni. La storia ci porta a seguire le vicissitudini di una famiglia italiana un po’ sgangherata, che si ritrova a Parigi per una serie di eventi fortuiti. Il regista, con la sua abilità nel tessere la trama, non si limita a raccontare aneddoti familiari, ma inquadra la famiglia come microcosmo attraverso il quale esplorare tematiche universali come l’amore, la perdita, la ricerca di sé e l’inevitabile confronto tra generazioni.

Il protagonista, interpretato da un Pieraccioni in gran forma, è un padre vedovo che, tra ironia e sfumature emotive, si imbarca in un viaggio non solo fisico ma anche interiore. Giunto nella capitale francese con le sue due figlie, entrambe in momenti cruciali della loro vita, si trova a dover fare i conti con le loro aspettative e le sue preoccupazioni, in un alternarsi di malintesi e rivelazioni che alimentano la narrazione con un ritmo incalzante e genuino.

Il regista toscano mostra un’eccezionale capacità nel dosare gli elementi comici con quelli più riflessivi: sorrisi e risate non mancano, ma ciò che colpisce è la delicatezza con cui affronta i momenti di introspezione dei protagonisti. È in questi frangenti che “Pare Parecchio Parigi” eleva il genere della commedia a qualcosa di più profondo, lasciando nello spettatore un senso di calore umano che persiste ben oltre i titoli di coda.

Le interpretazioni del cast sono in perfetta sintonia con la visione del regista. Ogni personaggio, pur essendo un archetipo familiare ben riconoscibile, viene reso unico e tridimensionale da una recitazione che evita cliché e superficialità. Le figlie, ribelle l’una e incerta l’altra, sono il perfetto contrappunto al padre, e la loro evoluzione nel corso del film è tratteggiata con mano sicura e affettuosa.

“Paris Pare Parecchio Parigi” è anche un omaggio alla resilienza delle relazioni familiari, che, nonostante i contrasti e le incomprensioni, si rivelano un porto sicuro e un punto di riferimento imprescindibile. Pieraccioni confeziona scene di vita quotidiana che, pur nella loro apparente semplicità, si caricano di significati e sentimenti, mostrando come spesso sia nelle piccole cose che troviamo le risposte alle grandi domande della vita.

La nuova commedia di Pieraccioni è un viaggio attraverso affetti e legami, risate e lacrime, con la splendida Parigi a fare da sfondo a un racconto di famiglia che è, senza dubbio, una (bella) storia.